party aziendale

Volete organizzare un party aziendale e non sapete da dove iniziare? Avete già provato il coworking?

Siamo in estate ormai inoltrata, e siamo quasi tutti pronti per andare in vacanza. Negli uffici, c’è la corsa ad accaparrarsi le ferie migliori, le metro si stanno pian piano svuotando di lavoratori e riempendo di turisti, e per tutti, insomma, è partito il countdown per andare finalmente in vacanza e staccare la spina per un po’!

Ma “Mamma ho perso l’aereo” ci ha insegnato che all’ultimo minuto ci dimentichiamo sempre le cose più importanti (no, non sto parlando dei figli): non si può chiudere l’ufficio se non si organizza prima un bel party aziendale! Startup Studio ha organizzato il suo giovedì 1 agosto: se siete curiosi di sapere com’è andata, date un’occhiata alla nostra pagina Instagram.

Diciamoci la verità, l’idea di far festa piace un po’ a tutti, ma con la stessa facilità a volte l’idea può scemare perché i preparativi spaventano tutti. Se non avete un’anima da event manager, non preoccupatevi, basterà seguire questi tips utili e anche il vostro party aziendale sarà bellissimo!

#Come organizzare un party aziendale

Scegli il tema della festa; quello di Startup Studio è stato un hawaiian party, per scelta della nostra community Instagram!

Fai una lista degli invitati, e scegli una data che metta d’accordo tutti. Se i partecipanti sono tanti, sarà utile utilizzare il servizio Doodle, il calendario online per pianificare appuntamenti con amici, colleghi e… perché, anche un bel party aziendale, magari in un coworking! La piattaforma è molto facile da usare e intuitiva: con pochi click invierai tutti i tuoi inviti!

Se invece la lista non è poi così lunga, e basta la maniera analogica, ovvero la cara vecchia carta e penna, perché non dargli un tocco di colore creando inviti personalizzati? Vi lascio le istruzioni per l’uso:

  • Prendi il tuo grafico di fiducia
  • Lascialo smanettare su Photoshop
  • Goditi il risultato e condividilo!

#Il budget per il tuo party aziendale

Domandona: qual è il budget? Fai un prospect dei costi, magari servendoti di un file excel per tenere sotto controllo in maniera precisa le spese: food & drinks e addobbi a tema, in primis, ma tieni sempre da parte qualcosa per spese extra, perché può sempre capitare che, ad esempio, un’ora prima della festa ti rendi conto che manca il ghiaccio! Altre cose da tenere a mente saranno:

  • La location è fondamentale, e se vuoi rientrare nel budget, perché non scegliere uno spazio di coworking, i cui costi sono decisamente più contenuti.
  • Scegli una bella playlist su Spotify, magari in sintonia con il tema del party, e assicurati che il suono arrivi pulito in tutto l’ambiente; basterà fare qualche piccola prova anche poche ore prima.

Avete preso appunti? Bene, ora non vi resta godervi la festa!

Per chi si fosse perso gli aggiornamenti dell’hawaiian party di Startup Studio, ecco le foto!

Per oggi è tutto dalla vostra copywriter di fiducia, oggi per il team di Startup Studio oggi sarà l’ultimo giorno, dopodiché saremo elfi liberi fino a lunedì 26 agosto! Nel frattempo, fateci sapere quali sono i vostri tips per organizzare un bel party aziendale, e soprattutto, siete già andati in vacanza? Scrivetecelo nei commenti, o mandando una mail a info@startupstudio.guru

Aloha!

  • party aziendale
  • party aziendale
  • party aziendale
  • party aziendale
  • party aziendale
pitch day

Il 27 giugno Startup Studio ha avuto il piacere di ospitare l’evento più importante organizzato dal team di Peekaboo: il Pitch day. I partecipanti della 7° edizione di Lean Startup Program di Roma (la milanese, arrivata alla sua 2° edizione, si è conclusa la settimana scorsa) hanno avuto la chance di presentare la propria idea di business davanti a potenziali investitori che, in qualità di giudici, hanno accuratamente selezionato un vincitore, sulla base del maggiore grado di potenziale posseduto dalle startup concorrenti. Quest’anno, in gara ci sono state 6 startup: Brickflow, Joinbed, Foodparty, Flywallet, Neuro System e The Secret Destination. Fra gli investitori presenti all’evento c’era anche Augusto Coppola, responsabile del programma di accellerazione di LUISS ENLABS, e già membro del team responsabile della nascita di due startup internazionali. La sua vasta expertise in materia di investors, clienti, partenrs a livello globale è stato sicuramente un valore aggiunto per ogni startup presente all’evento.

Il vincitore di quest’anno è stato The Secret Destination, la cui mission è offrire viaggi personalizzati nei territori più autentici e affascinanti d’Italia, tramite hub locali. Cosa si vince? Innanzitutto, i premi sono stabiliti di volta in volta dagli investitori, ma non bisogna inoltre dimenticare che la partecipazione stessa al pitch day è il premio. Infatti, solo le startup che il team di Peekaboo ha ritenuto potenzialmente vincenti hanno partecipato al pitch: è quindi soprattutto in termini di visibilità che le startup sfidanti possono ritenersi soddisfatte del lavoro svolto, nonché della rete sociale che solo in un contesto simile potevano trovare. E quale location migliore di un coworking per organizzare un pitch day?

L’evento non poteva concludersi che con un buffet degno di nota, offerto nel nostro giardino, e che ha messo d’accordo proprio tutti, sia startupper che investitori, senza alcuna distinzione!

Ecco le foto del Pitch day!

imparare l'inglese

Il 15 maggio, Startup Studio ha ospitato con piacere il team di Go study Australia. L’evento del giorno ha riguardato un interesssante speech su tutte le varie opportunità di studio e lavoro in Australia. E perché no, anche per organizzare il tuo prossimo viaggio in tutta sicurezza. La novità di questa sessione? L’introduzione di una nuova meta: il Canada! Da 10 anni, ormai, Go study gestisce moltissimi ragazzi che sognano di trasferirsi, offrendo loro un servizio di assistenza gratuita. In qualità di organizzazione educativa, offrono di conseguenza cinque programmi a scelta fra corsi di lingua, validi per imparare l’inglese e il francese. Ma si fa anche formazione per entrare nelle università, oppure supporto per intraprendere corsi professionalizzanti.

Chi vuole imparare l’inglese?

Infatti, nel presentare le nuove opportunità canadesi, Go study si è avvalsa della collaborazione con ILSC, già parte del gruppo Greystone College, ad oggi, una delle scuole di lingua più quotate per tutti coloro che hanno bisogno d’imparare l’inglese. A parlarne, sono intervenute le due simpatiche marketing manager Claire e Nadine. Grazie alla loro testimonianza, è stato possibile approfondire il focus su tutti i vantaggi di trasferirsi in Australia o in Canada. Nonché valutare, a seconda delle esigenze personali, quali fossero le combinazioni migliori in relazione al tipo di programma e, cosa importante, alla città prescelta. Ed entrambe, si sono rese disponibili a rispondere con professionalità alle mille domande di tutti i curiosi partecipanti, ricorrendo, talvolta, alla traduzione istantanea del team di Go study!

E anche questa volta, la missione per Startup Studio è compiuta. Possiamo dire, infatti, che il nostro spazio non ha soltanto messo a disposizione la sala di formazione, ma soprattutto ha atteso al può grande obiettivo di mettere in contatto i talenti per un futuro migliore!
State disperando per non aver partecipato all’evento? Niente paura! Perché ci sono sempre le nostre instagram stories in cui abbiamo raccolto i momenti migliori, ma memento per le prossime volte, seguiteci anche su facebook per tenervi aggiornati su tutti gli eventi organizzati presso Startup Studio. Be smart, startsmart!

Ecco le foto dell’evento!

Startup studio coworking roma eur
Startup studio coworking roma eur
Startup studio coworking roma eur